Fukushima

 

Il fotografo Keow Wee Loong, indossando solo una maschera antigas, ha esplorato un mese fa Tomioka, Ukuma, Namie and Futaba, cinque anni dopo lo tsunami e il terremoto di magnitudo 8.9 che ha causato l’esplosione della centrale nucleare, costringendo 150.000 persone ad abbandonare l’area contaminata. Keow ha visitato negozi, supermercati, lavanderie, ha sentito un odore chimico sparso nell’aria, ha avvertito un costante bruciore agli occhi. Egli dice di aver trovato soldi, oro e altri oggetti di valore. Fukushima è come una «città fantasma intoccabile». Il tempo sembra congelato, tutti i negozi sono pieni di merci, i semafori funzionano ancora, i calendari segnano marzo 2011. Tutto questo evoca a keow il film apocalittico I Am Legend, dove Will Smith è l’unico sopravvissuto in una New York trasformata in un deserto a causa di un virus.

Fukushimaultima modifica: 2016-07-13T08:34:58+00:00da dean15
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento