Salvador Dalì

 

Nasce l’11 maggio 1904 a Figueres in Catalogna. Studia all’Accademia de San Fernando, porta le basette lunghe, i calzoni alla zuava e si accosta al movimento dadaista, diventando intimo amico di Luis Buñuel. Nel 1926 viene espulso dall’Accademia perché è dell’avviso che nessuno nell’istituto ha la capacità di analizzare uno come lui. Nello stesso anno visita Parigi e incontra Pablo Picasso. A Barcellona le sue opere riscuotono successo e si fa crescere i baffi alla maniera di Diego Velázquez. Nel 1929 collabora con il regista Luis Buñuel alla realizzazione del cortometraggio Un chien andalou, 17 minuti celebri per la particolare scena d’apertura in cui si vede un occhio umano squarciato con un rasoio. Nello stesso anno incontra Gala, sua futura moglie, un’espatriata russa 11 anni più vecchia di lui.
Dalì battezza la sua tecnica con la formula «metodo paranoico-critico». Nel 1931 dipinge la sua opera più famosa, La persistenza della memoria, orologi flosci sul punto di liquefarsi. Nel 1934 sposa Gala. Nel 1936 partecipa all’esposizione internazionale surrealista di Londra. E tiene la sua conferenza, intitolata Fantômes paranoïaques authentiques, vestito con tuta e casco da palombaro per «immergersi a fondo nella mente umana». Il mecenate Edward James lo sostiene finanziariamente per due anni. In Europa divampa la seconda guerra mondiale e Dalì si trasferisce in America. Nel 1942 pubblica la sua autobiografia. Nel 1951 torna a vivere in Catalogna e si interessa di matematica, di scienze naturali; realizza olografie. Sconvolto dall’esplosione ad Hiroshima, vive una fase della sua vita che egli definisce di «misticismo nucleare». Nel 1982 muore la moglie Gala e gli svanisce di colpo la voglia di vivere. Nel 1988 ha un attacco di cuore. Il 23 gennaio 1989, mentre sta ascoltando Tristano ed Isotta di Wagner, muore all’età di 84 anni.
Di Salvador Dalì voglio ricordare solo un aforisma: «Non abbiate paura della perfezione. Non la raggiungerete mai».

Salvador Dalìultima modifica: 2016-07-24T20:41:17+00:00da dean15
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento